Home Comunicati Comunicato sugli accadimenti di Parigi (affaire Charlie Hebdo).

Comunicato sugli accadimenti di Parigi (affaire Charlie Hebdo).

521
0
SHARE

La Comunità Islamica di Piacenza e provincia condanna senza appello le atrocità commesse da un manipolo di criminali sanguinari responsabili della strage al settimanale parigino “Charlie Hebdo”. Si tratta di individui che si richiamano abusivamente all’Islam e che agiscono in maniera totalmente contraria alla morale musulmana.                               Siamo indignati e scioccati da questa violenza inaudita, uno scempio che non ha nulla in comune con l’Islam, religione di tolleranza, pace e fratellanza: anche noi Musulmani siamo vittime del radicalismo e della diffamazione che esso porta nei confronti di tutto il mondo
islamico.Ben consci del pericolo di generalizzazione e di stigmatizzazione di un’intera comunità religiosa, rifiutiamo con forza ogni legame fra estremismo e Islam.

Come tutte le maggiori Associazioni Islamiche italiane e europee, denunciamo quindi il pericolo che incombe oggi sulla convivenza interreligiosa nelle nostre socieltà plurali: l’idea che il terrorismo sia connaturato all’Islam è infatti profondamente errata ed è una delle cause dello sviluppo di un nuovo tipo di razzismo: l’islamofobia.
Sono esistiti e esistono integralismi e fondamentalismi di ogni colore, estremismi razzisti e terrorismi di natura politica. In quanto Musulmani di Piacenza, Musulmani Italiani e Europei, condanniamo senza esitazione tutte le forme di terrorismo, di radicalismo e di fanatismo di matrice religiosa e politica.

Come Comunità di Credenti, riteniamo di dimostrare con il nostro lavoro quotidiano e le nostre iniziative pubbliche di essere parte integrante della società in cui viviamo e di essere immuni ai veleni del fondamentalismo. Come Musulmani, esprimiamo il nostro più profondo cordoglio alle famiglie delle vittime di Parigi e ci auguriamo che questi atti, semplicemente criminali, non vengano strumentalizzati ai danni dei  Musulmani che, non dimentichiamo, sono oltre un miliardo e mezzo nel mondo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here