Home Comunicati Quando una parte politica non produce e si ciba di Islamofobia

Quando una parte politica non produce e si ciba di Islamofobia

380
0
SHARE

Apprendendo con rammarico che un nostro parlamentare piacentino ha avanzato delle forti insinuazioni  nei confronti della nostra Comunità e del suo lavoro, ci troviamo a rispondere a questa parte della politica priva di contenuti che getta allarmismi inutili e slogan propagandistici.

La nota dell’onorevole getta ombre, scredito e sfiducia – non solo nei confronti di una comunità che conta oltre ventimila persone in tutta la provincia di Piacenza – ma anche nei confronti delle istituzioni di pubblica sicurezza preposte per la vigilanza e il controllo del territorio.

La Comunità Islamica piacentina è in stretto contatto con tutte le istituzioni per facilitarne il lavoro e l’accesso alle informazioni, nonché alla tutela di tutti noi cittadini e non solo della società dai musulmani, come lascia intendere la nota stessa.

L’evento tenuto presso il centro della Comunità, oggetto di paure dell’onorevole, è stato – come tutti gli eventi da noi organizzati e di rilevanza – comunicato per tempo alle autorità nell’ambito della collaborazione continua avviata ormai da anni. La Comunità si adopera per le cause umanitarie anche quelle siriane, e grazie all’evento tenuto presso il Centro, è stato possibile dare un contributo reale e concreto a centinaia di donne e bambini oppressi dalla guerra.

La Comunità Islamica non tollererà nessun atto che fomenti l’islamofobia già diffusa anche grazie alla propaganda di una parte di politica inetta e incapace di trasmettere valori positivi alla società.

All’interno dei nostri locali non c’è spazio al terrorismo, né ideologico, né propagandistico, né politico o mediatico.  Ci auspichiamo  che la politica si responsabilizzi e non strumentalizzi, fedi, colori, generi e comunità per poter accreditare la propria posizione, ma dia risposte concrete di merito alle urgenze per le quali il nostro Paese attende una risposta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here